Muchos caminos. Molti Cammini. Immagini contemporanee del Cammino di Santiago

Muchos caminos. Molti Cammini. Immagini contemporanee del Cammino di Santiago

Mostra di arte contemporanea curata da Manuel Olveira, Direttore del MUSAC (Museo de Arte Contemporáneo de Castilla y León).

Questo progetto si basa sulla realtà storica, culturale, paesaggistica, antropologica, spirituale e/o religiosa del Cammino di Santiago e sul pellegrinaggio che lo motiva ma, soprattutto, sulla realtà esperienziale che deriva da tutto ciò e che si plasma in alcune forme di arte contemporanea direttamente collegate al pellegrinaggio ed al Cammino e relazionate indirettamente con questioni quali paesaggio, misticismo, storia delle religioni, etc.

La maggior parte sono opere di artisti spagnoli contemporanei, ma si includono alcune di artisti stranieri, scelti o perché le loro opere appartengono a centri d’arte e musei situati in comunità attraverso cui passa il Cammino, o perché hanno affrontato questioni direttamente relazionate con esso.

Muchos caminos. Molti cammini.
Immagini contemporanee del Cammino di Santiago

Certamente due dei più grandi centri di pellegrinaggio della cristianità sono Roma e Santiago: due punti importanti e lontani, ma anche uniti da quell’idea di ricerca, esplorazione e studio di altri orizzonti fisici e metafisici inerenti la pratica del pellegrinaggio.

Da qui, in un certo modo, il senso dell’espressione Mover Roma con Santiago, che si riferisce all’indagine su domande esistenziali ed all’instancabile ricerca di risposte a tali domande.

Queste idee saranno presenti all’esposizione attraverso pezzi di Eugenio Ampudia, Javier Ayarza, Jorge Barbi, Bleda y Rosa [María Bleda y José María Rosa], Natividad Bermejo, Zoulikha Bouabdellah, Enrique Carbó, Rosendo Cid, Javier Codesal, Gerardo Custance, Gabriel Díaz, Francisco Felipe, Esther Ferrer, Roland Fischer, Pedro Garhel, Rubén Grilo, Xurxo Lobato, Mariona Moncunill, Vik Muniz, Peyrotau y Sediles [Aránzazu Peyrotau y Antonio Sediles], Andrés Pinal, Nina Rhode, Humberto Rivas, Mapi Rivera, Roman Signer, José Val del Omar, José Luis Viñas, Sophie Whettnall e Peter Wüthrich, provenienti da istituzioni come: Centro de Arte y Naturaleza (CDAN)-Fundación Beulas, Museo de Arte Contemporáneo de Castilla y León (MUSAC), Centro Galego de Arte Contemporáneo (CGAC), Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía (MNCARS) e l’Instituto Leonés de Cultura (ILC).

  • Arti visive
  • Lazio
  • lun, ottobre 02 —
    domenica 26 novembre 2017

Sede

Sede

Reale Accademia di Spagna, Piazza di S. Pietro in Montorio, 3, 00153 Roma RM
06-581-2806

Biglietti

Ingresso libero

Per saperne di più

Reale Accademia di Spagna

Crediti

Co-produzione tra l’Ambasciata di Spagna a Roma, la Real Academia de España (RAER) e il Museo d’Arte di Castiglia e León (MUSAC). Con il patrocinio di Indra

Opzioni

Cerca evento