Miradas Cruzadas

“Miradas Cruzadas”

Inaugurazione: martedì 19 novembre alle ore 18.00

Fotografia:

  • Aitor Lara. Nasce in Spagna nel 1974 e vive a Siviglia. La sua carriera professionale inizia nel 1999 quando gli viene assegnato il Premio Juana de Aizpuru per la fotografia, mostrando il suo lavoro in fiere internazionali come ARCO e ParisPhoto. Nel 2004 riceve la borsa di ricerca Ruy de Clavijo da Casa Asia, MAEC. Dal 2009 al 2018 realizza un’installazione fotografica permanente di grande formato sulla facciata dell’edificio FNAC di Siviglia. Ha diverse pubblicazioni su NewsWeek, Financial Times, CNN, NBC, NBC, La Fabrica e National Geographic. Nel 2013 riceve l’Endesa Plastic Arts Grant per il progetto Dragoman, nel 2014 il premio OjodePez da PhotoEspaña e una menzione d’onore dall’UNICEF. Nel 2015 pubblica il suo lavoro personale in un libro PHotoBolsillo della Biblioteca de Fotógrafos Españoles de La Fábrica mentre nel 2016 riceve una borsa di studio dalla Real Academia de España en Roma (AECID) per il progetto “Luz y razón poética”. Nel 2018, il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo del PNUS in collaborazione con National Geographic gli commissiona il progetto “Out of Africa Migrations”. Pagina web: www.aitorlara.com
  • Piero Pompili. Nasce a Roma nel 1967, all’età di 15 anni inizia a fotografare e dopo aver conseguito la Maturità artistica si iscrive all’Accademia di Belle Arti. Ricevendo nel corso degli anni numerosi apprezzamenti sia da parte di critica e pubblico, espone in Gallerie private e spazi istituzionali quali Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Palazzo delle Esposizioni, Terme di Diocleziano e Galleria d’arte moderna di Bologna. Nel 1991 inizia il suo  viaggio in quello che lui definisce come “il purgatorio”, il sottosuolo delle palestre di pugilato, dove incontra quelli che considera gli eroi moderni nonché suoi compagni di un lungo viaggio nelle viscere della terra. Il  lavoro nel sottosuolo delle palestre lo porta alla pubblicazione di Combat  (ed. Mondadori 2006) e di Piero Pompili Gladiatori Moderni (ed. Bruno Gmünder 2017), con testi dell’autore e di Olivier Cerri. Nel 2009 realizza una mostra personale presso la Galleria La Nuova Pesa di Roma con un libero omaggio a Piero della Francesca: Storia della Croce Vera, con testi in catalogo di Roberto Saviano e Vincenzo Trione. Email: piero.pompili@gmail.com

Scultura:

  • Sabino De Nichilo. Nasce a Molfetta (Bari) nel 1972 e attualmente vive a Roma. Inizia il suo percorso espositivo nel 2009 presentando un’installazione nella mostra collettiva “Altrove” negli spazi del centro culturale Rialto-Sant’Ambrogio di Roma. Attivo per lungo tempo nella scena musicale notturna come dj e nel campo delle arti come curatore di mostre e organizzatore di eventi (è tra i fondatori del progetto curatoriale Casa Vuota), si avvicina alla pratica della scultura sotto la guida di Riccardo Monachesi. Del 2019 è la sua mostra personale “Organi da asporto” a Roma presso L29 Art Studio, con un testo di Lorenzo Madaro. “Viscere” è il titolo della sua personale ospitata nel 2018 nelle sale del Museo Archeologico Fondazione “De Palo-Ungaro” di Bitonto (Bari), a cura di Bianca Sorrentino. Tra le collettive più recenti a cui è stato invitato si segnalano nel 2018 le mostre “Domestica” nel sito archeologico delle Case Romane del Celio di Roma e “Trèsors d’un monastére” organizzata da Yannick Guerniou-Laviolette nel Convento dei Domenicani di Muro Leccese (Lecce) e nel 2017 “In Crypta” nel Convento dei Cappuccini di Grottaglie (Taranto). Nel 2018 ha inoltre esposto i suoi lavori alla fiera “Roma d’Arte Expo” nell’ambito del progetto “BACC – Biennale Arte Ceramica Contemporanea”.
  • Riccardo Monachesi. Nasce  Roma nel 1954, luogo in cui tutt’ora vive e lavora, e nel 1977 inizia a frequentare i corsi del Maestro Nino Caruso ai Coronari. Nel 1980 si laurea in Architettura, scoprendo di non essere tentato dal “Design”, ma realizzando che l’unica possibilità interessante nel fare Arte, sia “Progettare l’Emozioni” che mette nei propri lavori. Dal 1981 inizia la sua carriera espositiva in Italia e all’estero, che continua ancora oggi, con una mostra curata da Paolo Portoghesi. Seguono poi una nutrita serie di esposizioni personali e collettive tra le quali: una nel 1994 realizzata per lo Studio Bocchi e presentata da Walter Veltroni nel corso della quale “sdogana” la ceramica quale materia legata al mondo dell’artigiano per farla ritornare a materia d’arte, una nel 2009 presso l’Istituto Italiano di Cultura a Vienna, una personale nel 2014 “Terraemota” per il Comune di Roma presso il Museo delle Mura e una collettiva nel 2015 presso la Galleria Nazionale di Arte Moderna sullo stato della scultura in ceramica nel XXI secolo. Nel 2011 la Galleria Nazionale di Arte Moderna acquista e colloca presso il Museo Boncompagni Ludovisi 20 ceramiche realizzate a quattro mani con Elisa Montessori. Pagina web: www.riccardomonachesi.com
  • Jose Luis Seara. Nasce a Arcade (Pontevedra) nel 1957. Artista di estrema vitalità e dalla fantasia traboccante ascritta alle avanguardie, incide su processi astratti di elaborazione altamente ponderata, sebbene nella sua arte ci sia freschezza e mancanza di preoccupazione per il risultato finale. La natura e la figura umana formano un discorso che inizia alla fine degli anni ’80 direttamente collegato alla corrente atlantica. Nella sua opera natura e figura umana configurano un universo nutrito da una costante ricerca tecnica, caratterizzata anche dall’uso di diversi supporti.

Musica:

  • Alex Mendizabal. Nasce a Donostia nel 1961 e risiede a Roma dal 1982. Tra i suoi lavori troviamo: Contrappunti Interposti, Dagherrosuoni, concerti sotto acqua, Servizio Risparmio Tempo, micro musiche, Progetti sull’imitazione, Cinema Cieco, installazioni varie, silenziare film muti, Cinema Fraudulento. Fino al 1996 scrive numerose partiture per ensemble, pietre e carta, suonatori di fiati in calcinculo, orchestre e cori. Fonda vari gruppi come Curva Chiusa, Monnezza Sonora, Zine Animau, Convention, Marching Band, Senior Orchestra, Dissociazioni Unite AR. Ha realizzato una dozzina di “operette” e nei suoi cassetti si trovano piccole poesie.

A breve verranno fornite ulteriori info riguardo gli orari e i biglietti di ingresso

Evento organizzato dall'Ufficio Culturale dell'Ambasciata di Spagna in Italia e dalla Fondazione con Il Sud in collaborazione con la Fondazione Horcynus Orca

Curatore dell'esposizione: Andrea Iezzi

Event Details
  • Data Inizio
    19 Novembre 2019 18.00
  • Data Fine
    8 Dicembre 2019 20.00
  • Regione
  • Categoria
  • Telefono
  • Indirizzo
    Fondazione Horcynus Orca, Località Torre Faro, 98164 Messina ME
  • Sito Web