Il Ballo di San Pietro, Piccolo Nuovo Folklore

Il ballo di San Pietro è un’opera coreografica che vuole usare l’iconografia dello spazio pubblico di Roma per inventare un nuovo folklore. Proponiamo un dialogo che nasce dall’immagine sacra di San Pietro con le chiavi nella mano sinistra con le nacchere delle danze popolari e folcloristiche della Spagna e del sud Italia. La creatrice di questo dialogo sarà la coreografa e ballerina Patricia Ruz, grande conoscitrice delle danze spagnole, che proporrà una versione di certi movimenti di balli popolari in cui la sorpresa sarà quella di sostituire le nacchere con mazzi di chiavi.

 

PROGRAMMA

Quest’opera è un ricordo del ballo e del festeggiamento popolare nelle strade come si faceva un tempo, ed è anche un allegro omaggio alle pietre e sampietrini che danno vita e peso a questa bella città, non dimentichiamo che Pietro significa pietra in latino (Petrus) e in greco (Πέτρος/Petros). Due luoghi pubblici e storici di Roma ospiteranno la rappresentazione di questo ballo originale: La scultura di San Pietro in cattedra (anonimo, XIX secolo) dell’altare del Tempietto di Bramante della Real Academia de España en Roma, che fa parte del complesso monumentale di San Pietro in Montorio, in cui la leggenda racconta che il martire e apostolo venne crocifisso capovolto. E il secondo sarà davanti alla colossale scultura di San Pietro (1847) del veneziano Giuseppe De Fabris, situata nella Piazza di San Pietro nel Vaticano, alla destra della facciata della basilica. Questo luogo, in cui anticamente si trovava il Circo di Nerone, fu probabilmente l’enclave in cui si consumò realmente il martirio, con la successiva sepoltura del corpo dell’apostolo nel vicino cimitero sul quale, anni più tardi, venne eretta la Basilica Vaticana. Entrambe le sculture hanno nella mano sinistra le chiavi del regno dei cieli, consegnate da Cristo a Pietro e, pertanto, simbolo del conferimento dei poteri al primo vicario di Cristo sulla terra.

Il ballo di San Pietro fa parte del progetto “URMA. Spazio pubblico e paesaggio contemporaneo nella città di Roma” di Maral Kekejian, creatrice e gestrice di progetti culturali. Rientra nella programmazione della Real Academia de España en Roma e si avvale della collaborazione di Acción Cultural Española (AC/E).

 

Ingresso libero.

- 2 e 3 dicembre alle 13 e alle 18 ore, all’Accademia di Spagna a Roma.

- 4 e 5 dicembre davanti alla scultura di San Pietro, Piazza San Pietro in Vaticano

Il Ballo di San Pietro fa parte del progetto “URMA. Spazio pubblico e paesaggio contemporaneo nella città di Roma” di Maral Kekejian, creatrice e gestrice di progetti culturali. Rientra nella programmazione della Real Academia de España en Roma e si avvale della collaborazione di Acción Cultural Española (AC/E).

Event Details
Tags