Hidden Histories dialogues

Agire lo spazio pubblico, pratiche artistiche decoloniali.

Daniela Ortiz e Stalker, intervista di Sara Alberani e Valerio Del Baglivo.

Un confronto tra le pratiche artistiche italiane, spagnole e latinoamericane in rapporto allo spazio pubblico, in particolare al permanere di simboli, architetture e storie che riguardano il passato coloniale e imperialista all’interno di molte città. Cosa significa adottare un approccio decoloniale in campo artistico? Come interagire con comunità spesso lasciate ai margini delle storie ufficialmente riconosciute? Come recuperare e diffondere narrazioni storiche anti-egemoniche?

L’artista Daniela Ortiz e il collettivo Stalker rispondono alle seguenti questioni con una videointervista che a partire dalla presentazione delle loro pratiche, propone due approcci artistici per ripoliticizzare la memoria storica attraverso interventi sul patrimonio pubblico.

La videointervista è realizzata con il sostegno dell’Ambasciata di Spagna in Italia e rientra nel programma Hidden Histories, curato da Sara Alberani e Valerio Del Baglivo, per un apprendimento partecipato nel rileggere, reinterpretare e ricodificare il patrimonio storico-artistico di Roma.

 

L'evento sarà visibile gratuitamente sul portale della cultura spagnola in Italia, piazzadispagna.es, dal 15 dicembre 2020 e sul sito e canali social della piattaforma curatoriale LOCALES:
https://www.localesproject.org
https://www.facebook.com/localesproject
https://www.instagram.com/localesproject/

Progetto curato da Sara Alberani e Valerio Del Baglivo, realizzato in collaborazione con l'Ufficio Culturale dell'Ambasciata di Spagna in Italia.

Event Details
  • Data Inizio
    15 Dicembre 2020 11.00
  • Data Fine
    30 Giugno 2021 11.00
  • Regione
  • Categoria
  • Email
  • Indirizzo
    Embajada de España en Roma, Largo della Fontanella di Borghese, 19, 00186 Roma RM
  • Sito Web