David Jiménez. Fotógrafo

David Jiménez. Alcalá de Guadaira (Siviglia), 1970. Laureato in Belle Arti all’Università Complutense di Madrid nel 1993. I suoi progetti personali, realizzati costantemente dal 1990 e pubblicati sotto forma di libri, mostre e proiezioni audiovisive, sono stati esposti in numerosi luoghi in Spagna e all’estero. La prima mostra antologica della sua opera, intitolata UNIVERSOS, è stata presentata alla Sala del Canal de Isabel II di Madrid nel 2019, e al Museo Universidad de Navarra nel 2020-21.

Ha ricevuto il premio Fotógrafo Revelación al PHotoEspaña 99 e il Premio de las Artes de la Villa de Madrid nel 2008, ed è stato artist-in-residence alla Real Academia de España a Roma nel 2016-17. Finora ha pubblicato otto libri monografici, tra cui Infinito (2000), considerato uno dei libri fotografici spagnoli più importanti degli ultimi decenni, Versus nel 2014, Aura nel 2018 e Universos nel 2019. Il suo lavoro è rappresentato in numerose collezioni pubbliche e private come la Fundación MAPFRE, il Centro de Arte Dos de Mayo e la DKV Art Collection, tra gli altri.La sua mostra AURA  nell’ambito del Festival Fotografia Europea di Reggio Emilia appena finita è stato un successo di pubblico e critica.

David è una persona lenta, sempre apparentemente calma ma sempre attenta. Riflette una personalità come la sua fotografia che ha bisogno di una seconda lettura, sempre estetica ma mai banale, dietro un grande sorriso.

Roma ti ha accolto tre anni fa con una borsa di studio della Real Academia di Spagna, con le tue parole “un progetto ancora aperto”. È una scusa per tornare sempre in questa meravigliosa città? Il tuo paesaggio preferito nella capitale?

La residenza artistica all’Accademia spagnola è stata una meravigliosa opportunità per creare un nuovo progetto e per ripensare molte cose nel mio lavoro. Penso che sia stata un’esperienza straordinariamente arricchente per tutti.
Tornare a Roma è sempre un sogno, e il fatto che il progetto che ho fatto qui sia ancora vivo mi dà una ragione in più per tornare ancora e ancora. Ho un debole speciale per il Pantheon, anche se so che questo non è molto originale perché molti di noi hanno una venerazione per questo edificio unico. Ma ci sono mille posti a Roma che sono assolutamente meravigliosi.

Se il tuo lavoro avesse un numero chiave sarebbe 2: dupla, tandem, dicotomia. Ma trovo che sia anche un totale della tua visione: fotografia e poesia. Sei un poeta delle immagini o le tue immagini attirano semplicemente la poesia?

Sono d’accordo che il dittico o il doppio sono chiavi importanti nel mio lavoro. Cerco la relazione tra le immagini in modo che possano avvenire incontri, interferenze e la costruzione di nuovi significati. Nuove immagini, insomma. E il doppio è il primo passo in una relazione.
Per quanto riguarda il poetico, sento che il mio lavoro è poetico per sua natura, senza che questo implichi un giudizio di valore. Intendo la poetica come la creazione di un breve flash, una relazione nuova o strana tra elementi diversi che danno origine a qualcosa di potenzialmente nuovo, piuttosto che creare una catena di eventi o una storia, vale a dire, la poetica sarebbe agli antipodi della narrativa, senza che, come ho detto, questo renda l’opera migliore o peggiore.

A volte parli di educare all’immagine. Pensi che un mondo più estetico sia un mondo migliore?

Sì, penso che educare a capire le immagini sia sempre più importante. Imparare a leggerle e anche a generarle. Viviamo in un mondo assolutamente determinato dalle immagini in molti modi. Penso che raffinare la nostra sensibilità possa rendere il mondo un posto migliore, ma certamente le immagini possono essere usate in molti modi diversi, quindi non tutte sono un miglioramento o un approfondimento. In effetti la maggior parte delle immagini che vengono prodotte sono piuttosto stereotipate, e dal mio punto di vista questo è un vero impoverimento. Alla fine, le immagini che generiamo hanno a che fare con la nostra visione del mondo, con il nostro modo di pensare le cose.

Difendi il digitale con la sicurezza di chi sa di avere talento, perché non c’è banca di immagini che possa eguagliare il tuo occhio. Credi nella professione con la quale sei riuscito a guadagnarti da vivere. Se avessi 20 anni ora, crederesti di nuovo in te stesso? Qualche consiglio per chi vuole seguire la carriera del fotografo artistico in questo momento di intossicazione da immagini?

Grazie Patricia, sono felice e mi sento molto fortunato di aver potuto vivere di fotografia, perché mi piace questo lavoro e mi ha portato molte cose buone sia professionalmente che personalmente. Se dovessi ricominciare tutto da capo, non mi dispiacerebbe riprendere questa strada, anche se ce ne potrebbero essere altre che mi piacerebbe aver provato anche nel campo della creazione, come la letteratura o la musica.
È molto difficile dare consigli, tuttavia, poiché ogni percorso è unico e personale. In definitiva, come diceva un mio insegnante, i consigli dovrebbero essere vietati, non si può mai sapere quali conseguenze potrebbero avere sugli altri. Ma c’è qualcosa di molto generale che penso si possa dire, penso che si dovrebbe fare ciò che rende veramente felici, e non avere paura di nulla. Dopo tutto, si vive una volta sola, la vita è fatta per essere usata… e penso che non si possa sbagliare così. Poi c’è il fattore fortuna, naturalmente.

Ho conosciuto diverse generazioni di borsisti dell’Accademia, ma se dovessi evidenziarne una, sarebbe quella di cui hai fatto parte con Rosalía Banet, Miki Leal, Santiago Ydáñez o i Bravú. Ti ha influenzato o motivato in qualche modo, ed eri permeabile a questa sinergia multidisciplinare?

Senza poter fare paragoni con altri, penso che la mia generazione all’Accademia spagnola sia stata una congiunzione magnifica, sia a livello personale che creativo. Certo che lo è stato, è stato molto stimolante per tutti noi, senza dubbio. Ci sentivamo come una grande famiglia, abbiamo imparato l’uno dall’altro, e il rapporto tra molti di noi è ancora vivo.

La tua mostra “Aura” a Reggio Emilia è stata un successo e direi quasi un ritorno alla normalità dopo l’emergenza sanitaria. Dove ti piacerebbe che viaggiasse in Italia? C’è qualche fondazione tra le tante dedicate alla fotografia o spazio pubblico in Italia dove ti piacerebbe ospitare il tuo progetto?

È stata una grande opportunità esporre al festival Fotografia Europea e l’eco sociale è stata molto ampia, siamo molto felici. C’è stato qualche interesse iniziale a fare qualcosa dopo, ma non c’è ancora nulla di deciso. Mi piacerebbe molto poter portare questa mostra, o la mostra antologica che ho fatto nel 2019-2021, a Madrid e Pamplona e in altri luoghi d’Italia nel prossimo futuro. L’Italia ha spazi magnifici con una tradizione fotografica importante come il Maxxi de Roma, il Mufoco (Museo di Fotografia Contemporanea ) a Cinisello Balsamo molto vicino a Milano o la Casa dei Tre Oci in Venezia, ma anche nell’ambito delle mostre private, come la Galleria del Cembalo a Roma, posto unico dedicato alla fotografia; speriamo che ci siano opportunità per tutto questo.

Lo speriamo anche noi.Grazie David!

muycerca.net/Doss.pdf – https://www.instagram.com/davidjimenez_photo/

Roma, Luglio 2021. Intervista di Patricia Pascual Pérez-Zamora. @pato_perezamora